ESCURSIONE DI STUDIO NEL GIORNO DEL 22 APRILE 2015

L’Associazione Archeoclub d’Italia sede di Copertino”Isabella Chiaromonte ”in occasione della celebrazione della Giornata Mondiale della Terra, sorta in America il 22 aprile 1970, per sottolineare la necessità di preservare le risorse naturali della Terra,attraverso l’offerta di attività da integrare alle azioni educative scolastiche, ha inteso rafforzare e promuovere l’importanza e la  conoscenza dell’ambiente al fine di sviluppare e sostenere le attività nel mondo. In concomitanza della mostra su: La Donna e l’Arte  allestita nel Castello di Copertino, per incoraggiare i  giovani  verso la conservazione dell’ambiente, variegato e ricco di flora, fauna, testimonianze artistiche e archeologiche, l’Associazione  ha offerto la possibilità di vivere ed esultare  tra beni culturali, centri storici ,parchi naturali. In questa giornata, suggestivi scenari  del Salento tarantino hanno accolto i “viaggiatori”che attraverso l’osservazione hanno conosciuto nuovi luoghi e si sono impegnati, a rispettare la Terra, a migliorare la qualità della propria vita con un consumo responsabile e sostenibile delle risorse ambientali e a rispettare i beni culturali, patrimonio dell’umanità. La documentazione fotografica documenta alcuni momenti della Giornata Mondiale della Terra vissuta in autogestione dal mattino presto e fino al tramonto, dagli alunni dell’ Istituto Comprensivo Polo 3 ”S.Giuseppe da Copertino” - Copertino con docenti di classe ed esperti dell’Archeoclub.

Giunti a Taranto, l’itinerario ha compreso la visita al parco giardino, un polmone verde che dista poco dal museo archeologico. Nel parco tra meravigliosi alberi, gli operatori ecologici svolgevano, con entusiasmo, il proprio lavoro. Poco lontano dal belvedere, ciminiere “fumavano” indisturbate.

Visitando il museo archeologico di Taranto, guidati dall’archeologa Oda Calvaruso, abbiamo osservato gli eccezionali reperti  provenienti dalla necropoli del IV e III secolo a.C.,dai monumenti funerari alle tombe con oreficeria, in un percorso che si snoda sino alle fasi della romanizzazione. Vi sono le collezioni greche,romane e apule tra cui alcuni ori.  Nelle sale dedicate a Taranto romana, lo splendore della città all’indomani della conquista è testimoniata dagli arredi scultorei, dalla statuaria e dai pavimenti a mosaico degli edifici pubblici e privati di età imperiale. Un viaggio-racconto nella Taranto antica e moderna colorata, quest’ultima, dalle divise degli operatori ecologici in piena attività. A Manduria, accompagnati da alcune guide turistiche del posto, si è vissuto un  viaggio  di scoperta e conoscenza in una delle aree archeologiche meno note e tra le più suggestive dell’area messapica. Abbiamo incontrato anche l'Assessore alla Cultura di Manduria. Le campagne di Manduria preservano gelosamente le tracce di un’antica civiltà da conoscere. Tre cinte di difesa, due enormi fossati, un’immensa necropoli, chiese paleocristiane, il Fonte Pliniano, millenaria sorgente d’acqua.

E’ stata visitata la Cantina Produttori Vini dove si sono ammirati, nel museo sotterraneo della cantina, gli attrezzi d’epoca utilizzati per la lavorazione dell’uva e della conservazione del vino alla presenza della responsabile del posto.

Con la guida del  botanico prof.Nardone, si è percorso un itinerario naturalistico, rigorosamente a Impatto zero,  ricco di elementi tipici del bosco mediterraneo come il mirto, oltre ad interessanti piante dell’area della Riserva della Salina dei Monaci. Stupendi sono stati i tranquilli fenicotteri rosa, alcuni dei quali zampattavano nell'acqua della salina. AL nostro arrivo qualcuno di essi si è levato in volo. Poco distante è la Torre Colimena, sede del museo delle ceramiche che abbiamo visitato solo al primo piano. Dalle finestre della torre si è vista l'incantevole massa del mare di cristallo. Poco dopo ormai le ombre della sera iniziavano a stendersi sull'incontaminata natura. Il sole rosso si tuffava tranquillamente all'orizzonte nel mare.

Appena sul pulman tuttia siamo ripartiti, soddisfatti dell'esperienza. Si. E' proprio vero. La Terra è veramente Meravigliosa!!!

A cura degli alunni partecipanti e della segreteria Archeclub Copertino.