2014-la-donna-nella-storia-nella-cristianità
RINGRAZIAMENTI E AUGURI

Il progetto la Donna nella Storia, nella Cristianità, nell’Arte ha visto protagonista la Donna, la sola figura che può sviluppare nell’animo dei fanciulli, con la sua azione materna, con la sua attività di educatrice,la necessità della forza di carattere, del lavoro, della moralità, dell’economia.

Si è trattato di una serie di percorsi che attraverso ricerche di archivio, e fonti familiari ha fornito risultati e notizie circostanziate ai momenti più importanti della vita di ciascuna donna.
 Così alunne di scuola media  e studenti di scuola superiore , giovani volontari dell’associazione, senza disparità di riconoscimenti hanno concluso con entusiasmo il percorso suddiviso per argomenti: Dall’Annuncio dell’Angelo alla Dichiarazione d’amore oggi a cura del prof. Salvatore Cipressa a  Donna Sapiens: Sara, Rachele Elsa e le altre a cura della prof. Maria Pia Scaltrito. E ancora La donna monaca e i figli della ruota a cura del prof. Mario Spedicato alla prof. archeologa Oda Calvaruso che ha parlato della donna archeologa e l’archeologia. Non potevano mancare le donne e le dame nell’iconografia su S.Giuseppe da Copertino curata dalla prof. Maria Antonia Nocco.

Quel nostro momento natalizio programmato ogni anno dal titolo: “Ti Aspetto prima di Natale” si è materializzato con la nascita di una bimba. Visitando il Reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale “S.Giuseppe da Copertino” la classe composta in maggioranza da alunne, ha “partecipato” all’inno alla vita, ri-scritto dalla mamma di Camilla, venuta al mondo nel pomeriggio del giorno di S. Lucia.

Questa associazione, insieme alle alunne della classe 1C, la loro insegnate di classe, la rappresentante dei genitori, ha pensato all’adozione “culturale” della piccola nata e della sua mamma. Un caso unico per un’associazione quale è l’Archeoclub d’Italia. Ciò è stato  possibile in quanto nello Statuto è prevista la tutela dell’ambiente. Per questo, insieme dobbiamo difendere l’ambiente per una migliore crescita della persona. E, difendendo l’ambiente si tutelano sia la persona che i beni culturali, suo patrimonio. Occorre quindi per Camilla essere esempio di vittoria, di positivi stili di vita,  persone capaci di dimostrare il proprio spessore umano per essere esempio e riferimento, rispettosi delle regole, ricchi di passione e valori vissuti bene.

Il momento conclusivo del corso di formazione è stata l’assegnazione di riconoscimenti ai partecipanti alle attività alla presenza dei dirigenti scolastici , dei genitori e alunni. Il coro “Fantasie di Voci” degli alunni dell’Istituto comprensivo “S.Giuseppe da Copertino” diretto dalla maestra Mimma Dell’Anna e dal prof. Giuseppe De Maglio ha allietato la giornata. Successivamente si è inaugurata la mostra itinerante che ha sostato presso la Sala Francescana di Lettura del Santuario S.Giuseppe da Copertino dove sono stati esposti veri e propri reperti archeologici riguardanti l’abbigliamento del neonato, la dote della sposa, utensili di economia domestica ed  eleganti accessori femminili d’epoca. Non è mancata una divisa di dottoressa, una di suora, un abito da sposa e gli strumenti utilizzati dall’archeologa per il suo lavoro.

L’associazione ringrazia il CSVSalento per la collaborazione nella realizzazione del corso di Formazione, tutti i dirigenti scolastici, le autorità intervenute, i genitori, gli alunni di ogni ordine e grado che vi hanno preso parte( le foto ne documentano l’iter completo).
Dando appuntamento alla prossima manifestazione la  presidente e soci tutti rivolgono a ciascuno di voi che leggerete delle nostre attività gli Auguri di Buon Natale e l’auspicio di un Sereno e Felice Anno Nuovo.

La segreteria di Archeoclub d’Italia sede di Copertino.